Ritratti

“Foto per vere donne”, questa è l’insegna che campeggia all’entrata di uno studio fotografico nel distretto di Guanlan, proprio di fronte a uno stabilimento della Foxconn dove lavorano decine di migliaia di operai.

 

Le pareti dello studio sono coperte di scenografie coloratissime e paesaggi da sogno. È qui che i giovani lavoratori si mettono in posa e raccolgono qualche scatto che – una volta aggiustato a piacimento con Photoshop – conserveranno per se o invieranno a parenti e amici lontani.

 

Per due settimane, Tommaso Bonaventura si è sostituito alla padrona dello studio dietro l’obiettivo della macchina fotografica. I suoi ritratti vogliono restituire questi giovani a quell’individualità che troppo spesso viene loro negata, andando oltre gli stereotipi che li rappresentano come poco più che meri automi alla catena di montaggio.